Quando la cosiddetta Rivoluzione Digitale sarà giunta al suo prossimo stadio, già oggi in fase avanzata di realizzazione e di compimento, ci troveremo davanti a un mondo in cui tutto sarà connesso in Rete e molto di ciò che vediamo e usiamo sarà dotato di memoria, sensori, di “occhi” e di intelligenza artificiale

L’uomo non è mai stato davvero pronto per le rivoluzioni tecnologiche, le ha semplicemente assimilate. Quella dell’Internet of Everything, però, mette in discussione il nostro stesso essere umani: per vivere in un mondo migliore dovremo quindi essere pronti a fare la nostra parte

Il post originale continua su
bit.ly/2FfjpsY